• Dario Lo Presti

Untitled

PORTOGALLO

Alla scoperta di Lisbona e Sintra


Da molto tempo avevo in mente di guardare con calma vecchie foto nel mio hard disk e in questo periodo di emergenza in cui tutti abbiamo molto tempo a disposizione, ho colto l’occasione per farlo. In particolare ho rivisto le foto scattate quasi sei anni fa durante un viaggio in Portogallo, a Lisbona e Sintra. Lo scopo era quello di selezionarne alcune tra le tante per creare un racconto per immagini di quei pochi giorni trascorsi a gironzolare per la capitale portoghese. Il risultato sono una trentina di fotografie che mostrano Lisbona attraverso un punto di vista degli spazi, dei paesaggi urbani oltre che della sua architettura. Dalle piazze ai vicoli dei quartieri antichi e moderni, dagli edifici decorati e colorati agli interni delle chiese e dei musei.

Lisbona è una città ricca di storia, di bellezze architettoniche e non solo, con un’anima a metà strada tra la cultura sudamericana e quella europea dove antico e moderno coesistono. Il modo migliore per scoprila non è seguire un itinerario prefissato, ma camminare a piedi respirando un’atmosfera rilassata, perdersi per le sue strade e intrufolarsi per i numerosi vicoli e palazzi antichi. La parte antica della città si caratterizza per la presenza di ampi viali alberati, marciapiedi decorati con mosaici e grandi piazze. Una delle più importanti è Praça do Comércio che si affaccia sul Tago, il grande fiume che attraversa tutta la città e sfocia nell’Oceano Atlantico. Passeggiare per i vicoli mi trasmette la sensazione di trovarmi in una città in cui regna un’atmosfera tipicamente sudamericana, fatta di contrasti e colori accesi e caratterizzata da una malinconia romantica, di quelle dal sapore antico e tradizionale. I quartieri e i palazzi antichi sono la rappresentazione concreta di questa atmosfera. Le facciate dei palazzi hanno dei colori sgargianti e sono decorate con le Azulejos, delle piastrelle in ceramica che rappresentano un tipico ornamento dell’architettura portoghese e spagnola. Ai lati del centro storico si sviluppano i quartieri in salita da cui è possibile ammirare i caratteristici tram (anche nella mia città, Catania, erano presenti agli inizi del Novecento), che da oltre un secolo percorrono in salita e discesa le vie dei quartieri più caratteristici. Tra i monumenti più importanti, senz’altro è da vedere il Castello di San Giorgio, che essendo costruito sulla collina più alta del centro storico offre un punto panoramico di tutto rispetto sulla città. E’ molto interessante poi visitare il quartiere di Belem, all’interno del quale si trovano il Monastero Dos Jeronimos e la Torre di Belem. Il primo è un esempio di commistione di elementi architettonici di periodo diverso (dal gotico al neoclassico), poiché è stato costruito in un arco temporale lungo un secolo. La Torre di Belem fu costruita agli inizi del Cinquecento per proteggere la città dalle incursioni dei pirati olandesi e inglesi. A quaranta minuti di treno da Lisbona si trova Sintra, una località di villeggiatura caratterizzata da una vegetazione lussureggiante e soprattutto dalla presenza di magnifici palazzi come la Quinta de Regaleira, il Palacio Nacional de Pena e il Castello dei Mori, oltre a non dimenticare il Pozzo Massonico, che ci fanno immergere in un’atmosfera dai contorni fiabeschi ed esoterici.

In attesa di tempi migliori, il mio augurio è quello di poter riprendere a viaggiare. A mio parere rappresenta uno dei modi migliori per investire il proprio tempo e sopra ogni cosa vivere delle esperienze che rimangono impresse dentro di noi per tutta la vita.




Recent Posts
Archive
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
Search By Tags
Follow Us